Mammachepazienza

Sono una donna alla ricerca di un figlio e già che ci sono alla ricerca della felicità.

venerdì 29 maggio 2015

Ritorni

Ieri, in braccio al suo papà, vestito con una saloppette a quadretti bianchi e celesti con il cappellino coordinato, con la coscia morbida nuda, con il suo sorriso più allegro, l'Amore di mamma ha varcato la soglia di un posto importante: la clinica di fertilità dove tutto ebbe inizio.

Ieri, ho varcato anch'io quella soglia, ho risentito un odore buono che però mi ha riportato a momenti duri e il mio stomaco lo ricorda, il mio sorriso svanisce. Quante ore ho trascorso lì, due anni in cui ho vissuto con il fiato sospeso, anni in cui ho messo da parte la mia vita per poter realizzare il sogno più grande. Anni in cui ho dimenticato chi ero prima, cosa facevo, quali fossero i miei interessi.
Ho vissuto per ottenere una gravidanza e per avere tra le braccia il mio bambino.
Sono felice adesso, però se mi giro a guardare questo passato recente mi sale la rabbia e penso che non è giusto dover soffrire tanto, che non è giusto dimenticarsi degli amici, del lavoro, delle passioni per un unico obiettivo. Eppure accade, e si soffre dinanzi ad un negativo, ad un trattamento fallito, si piange, ma, un po' ammaccate ci si rialza e si va avanti.

Ieri, ero una donna piena con al lato un uomo e il nostro bambino. Il ginecologo è stato felicissimo di conoscerlo, lo ha abbracciato, mi ha abbracciata. Io amo quell'uomo, ma questo lo sapete già.
Abbiamo parlato del piccolo, di come sia difficile crescere i figli, del mio stato di salute, del parto, degli embrioncini congelati. Mi ha consigliata di godermi la maternità e quando vorrò un altro figlio di provarci qualche mese spontaneamente e se non arrivasse di tornare da lui.
Ho anche scoperto che gli embrioni scongelati si possono tornare a congelare, insomma non è come con il cibo!!

Ieri, c'era una coppia nella sala d'aspetto. Erano seduti vicini vicini, quasi lo stare uniti potesse scaldare i loro corpi stanchi. Erano giovani, lei era orientale, lui stringeva il casco di una bici. Avevano paura, erano tristi e stanchi. Erano addolorati, erano nel tunnel della riproduzione assistita. Erano noi, un anno e mezzo fa. Il divanetto di pelle nera sulla quale erano seduti sembrava immenso per loro due, scomodo e freddo, come l'attesa di un figlio che non arriva.
Ho sperato che la presenza di mio figlio coccolato dalle segretarie sia stata vissuta come un messaggio di speranza: Succede. Arrivano. Eccolo un bambino della scienza, eccolo il frutto nato dal dolore. Anche voi, domani, porterete il vostro bimbo un po' orientale qui e darete speranza all'ennesima coppia che trascina su questo divanetto gelido la propria stanchezza, la propria speranza, il proprio dolore.

Mio figlio ha sorriso tutto il tempo. Sì amore, sorridi, perchè sei il frutto di un lavoro immenso, sorridi perchè la vita ti è venuta a cercare, ti ha scelto, ti ha coccolato. Sii sempre felice, amore grande, perché dietro ogni lacrima della mamma c'era già il sole della tua vita.






lunedì 25 maggio 2015

Sei mesi

Il 3 maggio il mio piccolo amore ha compiuto sei mesi di morbidezza.
Ormai sta seduto, mantiene la posizione del gattonamento, ma non gattona, striscia felice. Ha iniziato a mangiare la frutta, alcune pappe insipide e a volte ingoia, altre sputa allegramente.
Io lo amo ogni giorno di più, e ogni giorno mi sento un po' più sicura in questo nuovo mondo della maternità.
Non è facile, soprattutto per la mancanza di sonno, per l'attenzione continua e seria che richiede un bambino, ma è bello, è emozionante, è dolce, è amore allo stato puro.

Spero che tutte le fiettare che mi seguono possano un giorno vivere questa grande gioia.

Avrei voglia di scrivere di mille argomenti, am devo provare ad essere ordinata, se voglio essere letta e capita...
PIANETA GENITORI: che palle!!!
Tutti hanno i figli migliori, tutti sanno meglio di te cosa è necessario fare e cosa no, tutti hanno bambini più intelligenti e sani del tuo, tutti hanno fatto meglio di te.

Io non vivo in Italia e alcune mamme italiane mi criticano per come sto crescendo mio figlio. Io non sterilizzo, non uso biberon, ne ciucci, non uso liofilizzati, non cucino al bagnomaria ne al vapore, uso gli omogeneizzati a volte per praticità, ma non il latte artificiale. Tutto ciò che faccio per il mio bambino no è frutto di una scelta presa a tavolino, seguendo teorie pedagogiche particolari, ma è il risultato della mia personale esperienza come madre.
Le abitudini nascono dalla necessità del bambino in un determinato momento e, perché no, anche dalle nostre come genitori.
Per esempio, io lo allatto la mattina prima che vada al nido (perché sì, va la nido da 2 settimane e siamo tutti molto contenti!!!) dove gli danno a metà mattina una pappina di frutta preparata da loro con cereali senza glutine; alle 13 vado a prenderlo e lo allatto varie volte a richiesta, poi alle 19:30 / 20:00 gli servo la cena: brodo, verdure, pollo o tacchino... e la sera/ notte sempre tetta a richiesta.
Al momento va bene così, fra un po' chiederó di togliere la frutta a metà mattina e di inserire il pranzo, ma ancora gli alimenti che può mangiare sono così pochi che la cena è sufficiente.
 Notiamo che il piccolo sta benissimo, è bello cicciotto e molto vivace.
Insomma, va bene così. Ma che noia i commenti della gente.

Poi anche io sono cambiata molto e con me mio marito. Ad esempio, prima di avere il piccolo Ciccio in casa pensavamo che ai sei mesi sarebbe passato nella sua camera...chissà perché ai sei mesi poi, convinzioni teoriche sciocche.
Insomma, credevamo che a sei mesi avrebbe dormito tutta la notte, che sarebbe stato più autonomo, che da una miniculla sarebbe passato al lettino più grande. Il cambio è avvenuto solo per quest'ultimo, il lettino più grande, ma non per la stanza.
Reputiamo sia presto per lui passare in un'altra stanza, si sveglia molte volte per attaccarsi al seno ed io riposo di più se lui è già accanto a noi.
Molte amiche mi chiedono: lo hai già messo nella sua stanza vero?, io rispondo di sì, ma solo perchè non mi va di discutere più con nessuno. Perchè sembra che per molti un figlio sia un oggettino da spostare il prima possibile, per poter riprendersi la vita di prima..beh, cari amici, la vita di prima no esiste più, e meno male aggiungo io.

Ma la vita di coppia? La vita di coppia esiste, si evolve ogni giorno, ci vuole costanza, ci vuole forza per cercare un angolino per la coppia, per le coccole ed i baci, il tema sesso lo affronterò in un post a parte... ma la coppia non viene distrutta dalla presenza di uan culla accanto al talamo.

Siate felici, neo mamme e sappiate che tutto ciò che fate con amore e rispetto è ben fatto.


sabato 14 marzo 2015

Le gravidanze adesso

Avverto una forte necessità di tornare a scrivere, ed in generale di tornare a fare qualcosa che sia solo mio, che mi serva, e che non sia cambiare pannolini.
Sono mamma da 4 mesi del frugoletto più simpatico che potessi immaginare, il mio sorrisone calvo, un concentrato di ciccia, grandi occhi azzurri e labbra carnose. Sono perdutamente innamorata.
Sono madre, ogni ora, ogni giorno, ho realizzato un sogno, ho centrato l'obiettivo, ho sofferto e poi ho ricominciato a sorridere, ma ... C'è sempre un ma, una piccola ombra che fa capolino nei momenti meno opportuni. Questo neo ancora presente in me si manifesta quando qualche amica mi annuncia la propria gravidanza: ho i brividi, il cuore accellera e la paura torna. Per carità, sono sempre felice e lo dimostro, ma in me si risveglia il dolore, il ricordo degli anni passati ad aspettare la mia gravidanza mentre un esercito di amiche, conoscenti e vicine mi annunciava l'arrivo del proprio pargolo!
Credo la mia reazione sia normale, ma non mi piace. Insomma, vorrei solo essere felice, gioire e dare consigli, ma il passato recente mi ha segnata piú di quanto immaginassi.
Le gravidanze altrui sono sempre lì a ricordarmi che le altre ce l'hanno fatta facilmente, che non hanno sofferto, che i loro figli sono stati concepiti facendo l'amore.
Poi, mi fermo e rifletto: anche mio figlio è stato fatto con amore, con l'amore piú viscerale, profondo che potessi immaginare.
Peró, mi rendo conto che appartengo a quell'esercito di donne che si sono guardate la pancia con soddisfazione, ma anche con paura ed incredulità.
Per nove mesi ho avuto il terrore che il sogno si spezzasse, per nove mesi ho ascoltato ogni suo movimento con ansia, ed in sala parto quando il mio bambino è nato ho capito che ero una mamma  e che dovevo mettere da parte le mie paure per poter trasmettere a lui solo serenitá.
E lo faccio, ogni giorno, ma a volte la paura ritorna, allora devo essere molto determinata per mandarla via e ricominciare a vivere con il mio nuovo amore accanto.
Non so se anche ad altre donne fivettare accade lo stesso.
Un abbraccio

lunedì 5 gennaio 2015

Tre novembre 2014

Il tre novembre 2014 è nato mio figlio. Un parto stupendo, un bambino sano e bello.
Sono passati due mesi, chiedo scusa per il silenzio, ho smesso di entrare in questo blog e nei vostri...volevo un tempo per me, per noi. È tutto più grande di come l'avessi immaginato, è tutto più bello. Lo amo, lo amo tantissimo.
Pero voi mi mancate, ho bisogno di sapere come state, come proseguono le vostre ricerche...adesso entrerò in tutti i vostri blog!!! Vi voglio bene....adesso che sono mamma ancora di piu.
Ce la farete, io sono con voi.

martedì 26 agosto 2014

Vinco la chiusura in me stessa e torno!!!

Ciao a tutte.
 Sono sparita per un po', senza grandi motivi: pigrizia, chiusura in me stessa, paura di ferire le amiche cercatrici parlando della mia pancia in evoluzione.
Però adesso sono tornata, più grossa che mai e spero che vogliate continuare a leggermi.
La gravidanza procede bene, il piccolo adesso peserà poco meno di due kg, mi prende a calci, a pugni, a culate! vivace, è vivace...
Io alterno serenità e gioia, a paura e panico. Le paure sono sempre le stesse, nonostante ormai siano attenuate, ma loro sono lì, non mi fanno dimenticare la mia condizione di diversamente fertile.
Mai.
Ormai, la gente mi ferma per strada, in ascensore e mi dice:" che pancione!! Sicuro stai per partorire!!" "No guardi, mancano ancora due mesi..." "Ma sei così grossa!!"
Ma vi pare??? Ma andatevene un po' a cacare.
Che poi ho preso sei kg o sette, non rompete.
Mio marito è radiante, gioca con la mia pancia, comunica con il piccolo, ad ogni colpetto del padre risponde un calcetto del figlio. Io mi commuovo e la paura arriva, stronza, a ricordarmi che tutto potrebbe andare male!
Io, comunque, sto cercando di essere forte, di essere positiva, di sentirmi come le altre. Ho molte amiche incinte come me, loro rimasteci con una bella trombata( ma vuoi mettere la soddisfazione della fivet?!). Insomma, io guardo le loro pance con invidia, sì proprio con invidia, poi mi do da sola della cretina e provo a rilassarmi. Allora, anche io parlo del modello del passeggino, delle teorie del cosleeping o dell'allattamento a richiesta, delle tutine, dei biberon...insomma fingo disinvoltura e normalità. A volte, mi rilasso così tanto che dimentico le punture, gli ormoni, il caos della ricerca di un figlio. E allora, mi sento più bella, mi sento felice, mi sembra di far parte di una normalità che non mi apparteneva più, mi vado a comprare un vestito a fiori premaman da H&M, lo indosso, mi trucco, mi lascio fotografare e adulare.
Ho anche comprato un regalo al mio bimbo, il primo. È un libro. Sì, lo so che prima si comprano i body e le tutine, ma che ci vuoi fare? Il libro si chiama " Dulce como un te quiero" con due orsetti in copertina...che fai non lo compri? Daiii
Il problema grande grande è che lo amo già, lo amo tanto.
Insomma, sono tornata a bloggare, vi leggo sempre e soprattutto, please, continuiamo a sotenerci...che io mi sento capita solo da voi!!!
Un bacio a tutte

mercoledì 25 giugno 2014

Morfologica. Abbiamo un sesso.

Scusate l'assenza. Mi sto impigrendo credo o forse sono solo molto concentrata su me stessa, chiusa come una conchiglia che coccola la sua perlina, in cova come dice mio marito.
È stato un mese intenso, ricco di emozioni, senza corse in ospedale, ma con nuove consapevolezze.
Il mio umore è altalenante, spesso sono preoccupata, sono in piena fase costruzione del nido e non so da dove iniziare a buttare. Ma ho iniziato.
Voglio però parlarvi subito della morfologica fatta venerdì scorso: ansia e paura. Sta bene e tatatarata...è maschio! Embrioncino mio ha il pisello e spero anche il complesso edipico.
È stata un'emozione immensa sapere che sta bene, che cresce secondo i canoni. Insomma, sono contenta che sia sano! Aver saputo il sesso mi ha permesso di dargli un nome e mille volti, mille sogni in più...
Io sto bene, alterno momenti di paura e terrore ad altri di emozione quando sento i suoi strani movimenti. E sì, perchè adesso lui si muove. Poco, ma io lo sento. sono delle bolle di sapone che scoppiano nella pancia, delle leggere scosse all'altezza dell'ombelico, a volte anche Lui può sentirle e mi accarezza la pancia...ed è felice, ed è un papà inebetito.
Ed io vorrei volare soltanto e godere di questo stato di grazia, ma c'è sempre lei, la paura, a bloccarmi,  ci sono mille "Se" che mi fanno tremare il cuore e rendono triste il mio sguardo. Lui se ne accorge e un po' si arrabbia. Mi dice che adesso devo smetterla, che va tutto bene e che posso stare serena. Io ci provo, davvero. Ed a volte ci riesco.

Il mio lui piccolo pesa quasi 500 grammi, è lungo, lo immagino bello e simpatico, viene prima di tutto, lo amo già alla follia e soprattutto ha un nome e questo nome sulle mie labbra è pura poesia.
In realtà sono due nomi, il primo è spagnolo, il secondo è italiano. Proprio come lui. 
Faccio tutto con lentezza, sono spesso stanca, anche perché ho una forte anemia che mi stanno studiando. Leggo, ascolto musica, mi accarezzo la pancia e penso a lui. All'amore che gli darò, o forse che già gli sto dando. Ho voglia di annusarlo, di stringerlo, di parlargli mentre lo allatto.
Amore di mamma. Amore nato dalla forza e la tenacia. Amore nato dalla testardaggine. Amore immenso.
Sono stupida? Sì tanto.
Insomma, sappiate che vi leggo quotidianamente e che cercherò di essere più presente anche con il mio bloggo!
Vi lascio con una poesia di Pier Paolo Pasolini che amo molto.
La dedico a lui morbidoso e a voi grandi donne.

l problema è avere occhi
e non saper vedere,
non guardare le cose
che accadono,
nemmeno l’ordito minimo
della realtà.
Occhi chiusi.
Occhi che non vedono più.
Che non sono più curiosi.
Che non si aspettano
che accada più niente.
Forse perché non credono
che la bellezza esista.
Ma sul deserto
delle nostre strade Lei passa, rompendo il finito limite
e riempiendo i nostri occhi
di infinito desiderio.”

•PierPaolo Pasolini




domenica 25 maggio 2014

Comprato!

L'ho appena fatto. Insomma, ci voleva, me lo meritavo e cosecosì ... Ho appena comprato su Amazon l'angel sound. E tanti cazzi alla razionalità.
Insomma io mi faccio mille film horror, il mio gine del cuore del centro fivet non mi vuole più vedere, non sto scherzando, dice che sono giovane e sana e che è giusto che mi seguano in ospedale e basta. Ora, apprezzo l'onestà di questo uomo che non mi vuole spillare ulteriori soldi, ma cazzo!!! Sono i miei soldi e io ho bisogno di lui...nulla.
Tocca aspettare il 20 di giugno per la morfologica in ospedale. Il 29 ho appuntamento con la matrona,       L'infermiera ostetrica che ti spiega cose pratiche e ti fa sentire il cuoricino. Io ci vado soloper quello. Poi in quei giorni arriverà anche il mio personale regalo... E tanti cazzi a chi mi chiama ansiosa!!!